END / RITIRI REGIONE NEA

ritiri-regione-nea_rev_01

SEGNALIAMO / RWANDA

Carissimi,

ci è stato segnalato che Sabato 8 ottobre pv presso il Cenacolo Francescano di Lecco ci sarà lo spettacolo RWANDA di Marco Cortese e Mara Moschini.

“Quasi un milione di vittime e un solo nome capace di rievocare il grido di migliaia di volti: Rwanda.

Sulle tavole del palcoscenico l’indimenticabile storia di un uomo e una donna capaci di un gesto di straordinario coraggio.”

Per approfondimento vi indichiamo il link:

Spettacolo – Rwanda

img-20160922-wa0001

UMANITA’ IN CAMMINO / LA QUESTIONE GENDER

immagine1Ringraziamo Rossella e Bruno Perboni che hanno partecipato all’incontro e che ci hanno inviato questo resoconto della serata.

Una serata importante, mercoledì 7 settembre a Malgrate: su iniziativa di diversi Gruppi decanali, don Aristide Fumagalli (docente di Teologia alla Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale) ha illustrato un tema particolarmente “caldo” in questo periodo: le teorie di genere e le loro ricadute sulla famiglia.

Di fronte ad una sala gremita, don Aristide ha illustrato le origini di queste teorie, legate alla ricerca di parità tra i sessi in una società caratterizzata dalla predominanza maschile, e che hanno portato a distinguere il piano biologico del sesso da quello psicologico della percezione del proprio orientamento sessuale. Questa distinzione tra sesso e genere propizia la tesi principale della gender theory, secondo cui «le differenze tra l’uomo e la donna sarebbero semplici costruzioni culturali, “plasmate” sui ruoli e sugli stereotipi socialmente costruiti»; il genere viene separato da vincoli sessuali, si ampliano le interpretazioni possibili e si separa la generazione biologica dei figli da quella affettiva. Molto importanti, su queste basi, appaiono le ricadute sulla famiglia che non viene più caratterizzata dalla presenza di uomo e donna direttamente coinvolti nella generazione fisica dei figli, ma si trasforma nelle cosiddette famiglie “arcobaleno”, nelle quali la differenza sessuale è indifferente e il rapporto con i “figli” è solamente affettivo.

La posizione della Chiesa Cattolica su questi temi è chiara e confermata recentemente da alcuni pronunciamenti di Papa Francesco (vedere Amoris Laetitia nn. 56 e 286): non è possibile dissociare sesso e genere, soprattutto nell’educazione dei bambini, ma occorre riconoscere le differenze che possono derivare da elementi come il temperamento, la storia famigliare, le influenze di amici, familiari e persone ammirate, ecc. In sostanza, la prospettiva di genere esiste ma non va confusa con la posizione radicale di chi ignora le differenze esistenti tra l’uomo e la donna, soprattutto di fronte al rischio di semplificazioni che spesso vengono introdotte nel dibattito attuale.

Leggiamo cosa ha affermato Papa Francesco nella Amoris Laetitia:

“… È inquietante che alcune ideologie di questo tipo, che pretendono di rispondere a certe aspirazioni a volte comprensibili, cerchino di imporsi come un pensiero unico che determini anche l’educazione dei bambini. Non si deve ignorare che «sesso biologico (sex) e ruolo sociale-culturale del sesso (gender), si possono distinguere, ma non separare” (AL n. 56)

Occorre allora affrontare la sfida di questo nuovo umanesimo ponendosi in atteggiamento di dialogo con chi sostiene l’applicazione estrema di queste teorie, riflettendo sul rapporto tra “genere” e “generazione” e sottolineando alcuni elementi chiave:

  1. siamo stati generati attraverso la differenza sessuale: servono un maschio e una femmina, un uomo/padre e una donna/madre, per far nascere un bambino, anche se concepito in provetta;
  2. nessuno di noi viene al mondo da solo, siamo tutti figlio/a di una relazione generativa che ci coinvolge profondamente.

Su queste basi diviene importante affrontare il tema dalla parte dell’elemento più debole di questa relazione: il bambino che nasce.

Non possiamo dimenticare che ogni bambino è iscritto nella genealogia di coloro che l’hanno concepito e la sua identità ne è caratterizzata. Perché negargli questa realtà? Perché impedirgli di conoscere i suoi veri genitori? Perché scegliere artificialmente (e non solo per risolvere casi estremi come la perdita dei genitori) di separare i genitori biologici da quelli affettivi? La migliore condizione per il nascituro è quella di una genealogia riconosciuta e sicura, e ciò porta benefici anche alla società in cui viviamo. La famiglia composta di uomo e donna, con differente identità ma pari dignità, è la miglior culla per l’identità umana.

Don Aristide ha concluso la sua relazione ricordando che, come cristiani, nell’affrontare una così complessa questione sociale e antropologica dobbiamo guardare al mondo con realismo e, di fronte ai tentativi di radicalizzazione del tema, affrontare apertamente il confronto, portando le nostre ragioni con l’onestà morale e la preparazione intellettuale necessarie ad interagire in maniera circostanziata e non superficiale.

Per chi volesse approfondire:

Aristide Fumagalli

http://www.queriniana.it/scheda-autore/aristide-fumagalli-5097

La questione gender. Una sfida antropologica

Editrice Queriniana

 

END – Giornata di Amicizia 2016

volantino-ga-2016

BOSE / INCONTRO CON ENZO BIANCHI

Carissimi co-equipiers,

riceviamo e pubblichiamo questo invito delle ACLI di Lecco.

Potete iscrivervi presso le ACLI Provinciali tel.0341350450 dopo il 29/8/2016

oppure chiamando Luigi Panzeri (END Garlate 1) cell.3662460136
un caro saluto
Claudio e Manu
crc
bose

UMANITA’ IN CAMMINO

Pubblichiamo e vi segnaliamo questi due incontri che si terranno a settembre.

UMANITA IN CAMMINO

CondividENDo Giugno 2016

Ciao a tutti!

Qui trovate il link per scaricare il CondividENDo di Giugno 2016

Condividendo2016_06

Vi ricordiamo anche che nell’area Le Nostre Foto
trovate le foto del Settore di Lecco.

Claudio e Manuela

crc

9 MAGGIO – GIUBILEO delle ASSOCIAZIONI dei MOVIMENTI e dei GRUPPI ECCLESIALI

volantino 9 maggio 2016

END – Preghiera Mariana 2016

invito Preghiera MarianaPDF

END – Audio Giornata di INTERSETTORE

Pubblichiamo qui l’audio degli interventi alla Giornata di Intersettore.

Produce_2016_04_16 from End Lecco on Vimeo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi